a cura del Dott. Eugenio di Zenobio  Guida Ambientale Escursionistica    
a cura del Dott. Eugenio di Zenobio  Guida Ambientale Escursionistica    

Il Camoscio d'Abruzzo

Descrizione

clicca per ingrandireFu lo zoologo tedesco Oscar Neuman che nel 1899 descrive per la prima volta una nuova specie di camoscio, chiamandola Rupicapra ornata. E' il camoscio d'Abruzzo, fino ad allora confuso con quello alpino.

Ormai la differenza tra le due specie è provata da studi morfologici, etologici e biologici. In questi ultimi anni ciò è stato dimostrato studiandone il DNA: ossia, qualora ci fossero stati ancora dei dubbi, lo studio genetico ha confermato che il camoscio alpino e d'Abruzzo sono due specie distinte, e che quest'ultimo appartiene al ceppo spagnolo. Infatti camoscio d'Abruzzo e camoscio spagnolo sono molto simili.
Le femmine e i giovani vivono in branco (i maschi vi rimangono fino a 2-3 anni per poi iniziare ad errare, e sono questi i soggetti più a rischio di morte perché spesso si ritrovano in luoghi sconosciuti pieni di insidie), mentre i maschi sessualmente riproduttivi (da 8 anni in poi) si ricostituiscono al branco per la stagione degli amori che inizia i primi di Novembre. E' questo il momento degli scontri -anche molto violenti- tra i maschi che si contendono il diritto di accoppiarsi con le femmine del branco; una volta acquisito sul campo questo diritto, difenderà il suo harem dalle incursioni degli altri maschi adulti.

clicca per ingrandireI piccoli nascono nella prima quindicina di Maggio: le femmine rimangono nel branco, mentre i maschi dopo 2 anni si allontanano per iniziare una vita solitaria fino all'età della riproduzione.
Il camoscio è un erbivoro legato alle praterie di alta quota, oltre i 2000 metri. Si è visto che nel PNd'A i pascoli preferiti dalle femmine e dai piccoli sono quelli del festuco-trifolietum thalii, leguminose ricche di sostanze proteiche. I maschi -invece- non avendo particolari esigenze alimentari, si cibano di un po' di tutto. I pascoli di festuco sono presenti in minima parte sulla Majella e assenti sul Gran Sasso: ciò fa ritenere che le positive reintroduzioni di camoscio su Majella e Gran Sasso, abbiano dimostrato la grande adattabilità del camoscio d'Abruzzo all'ambiente.

clicca per ingrandire E' un animale abituato a vivere in luoghi impervi come sono quelli di alta quota, soprattutto pareti rocciose e cenge dove si riparano per sfuggire agli attacchi dei predatori. Nella stagione estiva li troviamo in alta montagna, mentre d'inverno scendono più in basso vivendo ai limiti della vegetazione, prediligendo pareti esposte a sud dove c'è meno concentrazione di neve e più possibiltà di trovare cibo.
In caso di pericolo (derivante da un predatore o da un turista) emette un fischio di allarme per avvisare l'intruso di non avanzare. In caso contrario, fuggirà mettendosi al riparo su pareti rocciose molto ripide, dove non può essere raggiunto.